"Dovremo completare l'opera, sia quella che riguarda il taglio degli alberi per consentire la realizzazione in quel tratto della linea del tram, sia quella nel parco Don Bosco”. Lo ha detto il questore di Bologna, interpellato sull'intervento di questa mattina della polizia, con diversi mezzi e agenti in tenuta antisommossa, per permettere l’abbattimento di alcuni alberi in viale Aldo Moro per fare spazio al cantiere del tram. L'area è adiacente al parco Don Bosco, dove da mesi è presente un presidio di attivisti e ambientalisti contrari al piano del Comune per il rifacimento delle scuole medie Besta. Il questore ha spiegato che l'intervento di questa mattina “è andato bene, senza particolari criticità, sul posto è stato identificata una persona, ma non c'è stato nessun fermo in senso tecnico.” Riguardo l'area del parco Don Bosco, “la cosa purtroppo non è affatto superata da punto di vista della trattativa, che al momento non ha sortito gli  effetti sperati -ha detto ancora Sbordone riferendosi al confronto fra gli attivisti e il Comune – noi ci crediamo perché siamo i primi a non voler adottare modalità operative invasive”.  Il questore non ha escluso che nelle prossime settimane ci possa essere uno sgombero del presidio: “Oggi abbiamo fatto un pezzo di quel che bisogna fare, lì ci sono più attività e più cantieri, c'è la parte della strada dove deve passare il tram e c'è il parco. Adesso concentriamoci sulla strada e sul viale, per quanto riguarda il parco e il cantiere per la nuova scuola, se ne parlerà più avanti".