"L'idea della casa sull'albero nasce dal concetto di sospensione, di attesa e quasi di apnea – spiega l'architetto Piano – ho fatto cose tecnicamente molto più difficili, ma umanamente l'hospice pediatrico è stata la sfida più ardua".