Sospeso il ‘Security manager’ del Marconi dopo l’allarme per una pistola che non c’era

L’Enac (Ente nazionale aviazione civile) “ha avviato- sulla base delle informazioni acquisite- il procedimento di sospensione-revoca del Security manager” dell’aeroporto ‘Marconi’ di Bologna, nonché “l’applicazione delle misure sanzionatorie previste dall’articolo 1174 del Codice della navigazione”. All’origine della decisione, comunicata dallo stesso Enac in una nota, c’è l’episodio che si è verificato ieri pomeriggio nello scalo bolognese, quando un falso allarme per quella che era sembrata una pistola all’interno di un bagaglio aveva fatto scattare il sistema di sicurezza dell’aeroporto- il cosiddetto piano ‘Leonardo Da Vinci’- con il risultato che per quasi due ore l’attività dello scalo è stata sospesa, con nove voli cancellati e altri 11 dirottati verso altri aeroporti. L’episodio di ieri, insomma, ha avuto “gravi ripercussioni sull’operatività aeroportuale e conseguenti disservizi sui passeggeri”, sottolinea Enac, che chiude ricordando che “coloro che sono stati lesi possono agire per la richiesta di risarcimento danni nei confronti dei soggetti responsabili”