Il caso della "censura" al monologo resistenziale rimbalza sul 21 aprile bolognese: il sindaco Lepore lancia un appello contro tutte le censure. La premier intanto precisa: propaganda contro il Governo a spese dei cittadini