Migliaia di lavoratori in corteo nello sciopero generale indetto da Cgil e Uil dopo la strage di Suviana (col numero delle vittime ancora da definire). Uno striscione apre la manifestazione “Adesso basta”. In prima fila il sindaco Matteo Lepore ed il presidente regionale Stefano Bonaccini. Circa 15 mila i presenti. La città, da via Indipendenza a piazza Maggiore, è di fatto bloccata. Lepore, che aveva lanciato un appello ad essere presenti alla manifestazione, è tornato a sottolineare come “la storia di Bologna sia stata costellata di stragi sul lavoro e di altra natura, senza la piena luce immediata sulle cause”. Bonaccini dal suo canto ha chiesto ai partiti di aprire assieme un tavolo di discussione “su appalti e subappalti specie delle partecipate”.