La mobilitazione non è solo contro la 'sosta selvaggia', che in via Saragozza spesso invade la corsia riservata alle biciclette, ma anche e soprattutto contro  la riforma del Codice della strada attualmente in discussione in Parlamento che, secondo le associazioni che hanno promosso l'iniziativa, metterebbe in discussione proprio le corsie su strada dedicate alle bici. 
A organizzare il flash-mob in via Saragozza, creando una sorta di ciclabile umana per proteggere la ciclabile, sono diverse associazioni cittadine: da Salvaiciclisti a Fiab al Monte Sole Bike Group. La protesta è nazionale e coinvolge in questi giorni una 40ina di città in tutta Italia.

Nel servizio le immagini del flash-mob e le interviste a Simona Larghetti, Fabio Battilani e Antonella Tampellini