Maltratta moglie e figlio piccolo, scatta il divieto di avvicinamento

Divieto di avvicinarsi alla moglie e al figlio dodicenne, con applicazione del braccialetto elettronico. E’ la misura cautelare eseguita a Bologna dai carabinieri nei confronti di un 56enne italiano, già noto alle forze dell’ordine, indagato per maltrattamenti in famiglia. Il provvedimento, richiesto dalla Procura ed emesso dal Gip, nasce a seguito di una denuncia presentata lo scorso luglio dalla ex compagna dell’uomo, per fatti avvenuti a partire dal 2011 e fino al 2017, prima della separazione. La donna ha raccontato che il marito spesso rientrava a casa in evidente stato di ebbrezza e la offendeva, arrivando ad aggressioni fisiche e a danneggiare i mobili di casa. Questi comportamenti avvenivano anche in presenza del figlio minore, tanto da costringere la donna a rinchiudersi a chiave con il bambino in una stanza. In alcune occasioni il 56enne aveva avuto condotte violente anche nei confronti dello stesso figlio, colpendolo con schiaffi alla nuca e alle gambe o rivolgendogli offese come ”sei un deficiente…sei uno stupido”