L'aiuto degli studenti, per individuare un ladro che aveva fatto razzìa di telefonini e altra merce a scuola, a quanto pare è stato fondamentale. Lo racconta la stessa polizia, che ha denunciato un 35enne italiano, già con vari precedenti, per alcuni furti compiuti negli spogliatoi della palestra dell'istituto Belluzzi-Fioravanti di via Cassini, a Bologna. E' stato trovato anche con la collaborazione di alcuni degli alunni derubati, che attraverso la geolocalizzazione Gps, hanno scoperto dove si trovava uno degli smartphone sottratti dal ladro.

A chiamare il 113 è stata, qualche giorno fa, la direzione della scuola: la vicepreside ha spiegato che dalla palestra erano spartiti diversi oggetti dei ragazzi, tra i quali smartphone, denaro e auricolari, mentre un docente ha raccontato di avere sorpreso all’interno dell’edificio un estraneo, che era stato prontamente invitato ad uscire. A quel punto sono entrati in scena gli studenti, che hanno localizzato uno dei telefonini rubati in un condominio di via Canonica, nel centro storico, dove poco dopo i poliziotti sono andati a controllare, trovando il 35enne, che corrispondeva alla descrizione dell'intruso allontanato dalla scuola.

L’uomo si è reso disponibile a riconsegnare la refurtiva: due smartphone, un astuccio scolastico e un paio di auricolari. Nella sua abitazione gli agenti hanno trovato e sequestrato altra merce e sono in corso ulteriori accertamenti per verificare la sua eventuale responsabilità in altri furti avvenuti al Belluzzi-Fioravanti nei giorni precedenti.