"Mi auguro si sia trattato di un episodio isolato, noi continueremo a dare al Gran Reno la massima attenzione e già la settimana prossima incontrerò ancora una volta le forze di polizia per un nuovo passaggio sul tema, anche con il nuovo Questore, per capire come poter mettere maggiormente in sicurezza, anche in vista delle festività natalizie, questo centro commerciale così importante per Bologna." Lo ha detto il Prefetto di Bologna Attilio Visconti, commentando a E'tv le risse avvenute sabato sera nell'area del Gran Reno di Casalecchio, alle porte della città.

I tafferugli sono scoppiati a margine di un concerto non autorizzato del trapper 22enne Medy Cartier, che ha radunato centinaia di persone, per lo più giovanissimi, nel parcheggio all'ultimo piano del centro commerciale. "Per motivi futili si è arrivati pesantemente alle mani fra giovani -ha detto ancora Visconti- accorsi perchè un rapper si è esibito sul tetto di un'auto".

I carabinieri intanto stanno esaminando i video pubblicati sui social per identificare gli autori delle violenze. Il Prefetto ha ricordato che il tema del disagio giovanile, in particolare in quell'area, è costantemente all'attenzione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica e che la zona del centro commerciale di Casalecchio è attentamente vigilata: "Anche a seguito delle riunioni tenute lo scorso anno -ha spiegato- sono state adottate misure che per molto tempo hanno consentito all'area di essere tutelata."

A settembre 2022 in quell'area si era infatti verificata un'altra rissa fra ragazzini, poi un 15enne era salito sopra al cofano di una 'gazzella' dei carabinieri circondato da altri giovani che stavano filmando la scena. Il minore venne fermato e denunciato.