Evade da domiciliari e minaccia vicini e ex compagna

Seconda evasione in meno di un anno per un commerciante 47enne che dallo scorso giugno si trova agli arresti domiciliari a Monterenzio, sull’Appennino bolognese, per maltrattamenti alla ex compagna e per avere violato il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna, vittima anche di minacce di morte. L’uomo, cui era stato applicato il braccialetto elettronico, ieri pomeriggio è uscito di casa e ha aggredito con un forcone un vicino per questioni di parcheggio a causa della neve. Poco dopo si è presentato sotto casa della ex compagna, tentando con la forza di entrare e minacciandola. Infine ha raggiunto una centro di salute mentale a San Lazzaro di Savena, dove ha minacciato una dottoressa per farsi rilasciare un certificato. I carabinieri, dopo aver ricevuto l’allarme proveniente dal braccialetto elettronico e allertati anche dai vicini e dalla donna, lo hanno rintracciato davanti alla struttura sanitaria. Il 47enne è stato nuovamente arrestato, dai militari della Compagnia di San Lazzaro, per evasione, violazione divieto di avvicinamento, resistenza a pubblico ufficiale e minaccia aggravata.

Lo scorso giugno, l’uomo aveva fatto irruzione a casa della ex compagna urlando: ‘O mi fai vedere mio figlio o ti ammazzo’ e l’aveva picchiata. A luglio, già ai domiciliari, era evaso per andare a fare la spesa ma era stato subito intercettato dai carabinieri grazie al braccialetto elettronico.

L’arresto di ieri è stato convalidato e il 47enne è stato nuovamente posto ai domiciliari con braccialetto elettronico.