Sono 1.700 le "posizioni sospette" tra gli affitti agli studenti fuori sede in Emilia-Romagna sulle quali saranno svolti specifici riscontri. Il dato è frutto dell'attività che stanno svolgendo Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate con la collaborazione di università, Regione ed Ergo. C'è anche un vademecum. Intanto l'Alma Mater chiede una legge contro gli affitti brevi.