Presente alla cerimonia e al corteo di commemorazione della strage del 2 agosto anche il procuratore generale reggente Lucia Musti: “E’ fondamentale essere qui, la sentenza del 7 aprile è sicuramente il riconoscimento in primo grado del lavoro della procura generale”.