E' entrata in casa facendo credere a una pensionata di essere un'amica del figlio, senza dubbio con l'intenzione di derubarla. Quello che era cominciato come un tentativo di furto con raggiro si è però trasformato in aggressione, perchè appena l'anziana si è resa conto di essere vittima di una truffatrice è stata minacciata con un punteruolo e rapinata. Siamo in via Calvart, zona Corticella, nell'appartamento di una 80enne bolognese che, a parte lo spavento, non ha per fortuna riportato ferite e ha denunciato alla polizia l'episodio, successo oggi, poco dopo mezzogiorno.

Quella donna -ha poi raccontato la 80enne agli agenti- parlava con accento emiliano ma aveva l'aspetto di una straniera, forse dell'Est Europa. Quando ha suonato il campanello ha detto di essere una vecchia amica del figlio. La pensionata è caduta nel tranello e l'ha fatta salire. Mentre scambiavano quattro chiacchiere davanti a un caffè, le ha preso le mani simulando un gesto affettuoso e ha tentato di sfilarle un anello: a quel punto la vittima ha capito di essere stata ingannata e ha cercato di allontanare la truffatrice, che è passata alle maniere forti. Ha afferrato un oggetto appuntito che aveva nella borsa, forse un punteruolo, e l'ha puntato addosso alla 80enne minacciandola. Si è fatta consegnare gli anelli che indossava e altri monili, poi si è allontanata con il bottino. Gioielli dal valore ancora imprecisato, sicuramente ricordi importanti per l'anziana vittima. La polizia, avvisata subito, ha svolto ricerche in zona, finora senza esito. Un aiuto alle indagini per identificare la rapinatrice potrà arrivare, come sempre, da qualche telecamera di sorveglianza.