Atti di vandalismo, uova lanciate su edifici pubblici e privati, scritte e imbrattamenti. È il solito scenario quello prodotto dall'ennesimo corteo di collettivi universitari ieri sera nel centro di Bologna.