La polizia postale, dopo accertamenti coordinati dalla Procura, ha scoperto un 42enne, residente nel Bolognese, scoperto con 3mila file pedopornografici. Tutti erano conservati nel suo cellulare. L’uomo è ai domiciliari.