L’Arcivescovo di Bologna il Card. Matteo Maria Zuppi interviene sul Disegno di Legge Zan in una intervista al ‘Corriere di Bologna’: “Noi siamo pronti a dare un contributo positivo. La Chiesa è contro l’omofobia: anche se ci sono sensibilità diverse bisogna trovare una composizione. Di sicuro bisogna trovare il modo di fare una legge che sia chiara dal punto di vista giuridico”. Così il card Zuppi, che affronta anche il tema del lavoro, alla luce dei tanti infortuni mortali registrati in Italia nelle ultime settimane e di una vertenza in corso, proprio a Bologna, dopo l’annuncio di licenziamento via Whatsapp inoltrato nei giorni scorsi ai lavoratori in appalto nel settore della logistica. “E’ inaccettabile un tipo di rapporto così volutamente impersonale, che nasconde le responsabilità, ti fa diventare oggetto e ti cancella come persona”. Quanto alle morti sul lavoro, ha concluso l’Arcivescovo di Bologna, “è incredibile come ancora in molti casi la sicurezza sembri andare contro il lavoro stesso; invece è l’unica garanzia per lavorare”.