Non poteva mancare la tappa di Tracce d’Infinito in San Petronio. Con tutte le curiosità del caso. In pochi sanno che non è stata realizzata una fetta grossa del progetto originario, che doveva occupare con l’abside l’area fino a via Farini, e con il transetto quella che va dall’attuale Archiginnasio a piazza Roosevelt. C’è anche un modellino, conservato nel museo della Basilica, che mostra la grandiosità della costruzione, frutto dell’anima bolognese, detta appunto petroniana dal vescovo Petronio che con la sua fede seppe dare un’impronta di grande progresso sociale, civile e culturale alla città. Raccontiamo tante piccole curiosità legate alla storia della conservazione delle reliquie del patrono, alla cappella musicale e alla cosiddetta “Fabbrica della Basilica”.