La Squadra Mobile giovedì ha eseguito una ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 34enne che, in aprile, si è reso reso responsabile di una estorsione e di una rapina aggravata. L’uomo faceva parte di una rete di venditori di rilevatori del gas per conto di una azienda bresciana finita al centro di ulteriori indagini con l’ipotesi di truffa.