E nelle zone della movida, la proposta dell’assessore comunale Alberto Aitini: “Monitorare il rumore così come si fa con lo smog”. Una proposta, lanciata sulla sua pagina Facebook, per sperimentare anche a Bologna i fonometri e “intervenire – spiega – a tutela dei residenti”