Tre bolognesi e un modenese sono indagati per istigazione a delinquere per discriminazione razziale, etnica e religiosa in un’inchiesta che ha smascherato alcune chat ‘suprematiste’. Nelle loro case, la Digos ha sequestrato divise da Ss, bandiere con svastiche e anche armi.